Menù di San Valentino in mezz’ora (circa). L’idea al Vetriolo

Camembert, nocciole, miele e Focaccia

Gnocchi Pomodoro, Burrata e Peperoncino

Battuta di Manzo al coltello, Radicchio scottato al limone

Cheesecake espressa con lamponi, Pan di Stelle e Peperoncino

Ingredienti, OVVIAMENTE, per due persone

Camembert nel legno 1
Granella di nocciole tostate 50 g
Miele 1 cucchiaino
Limone succo 1 cucchiaino
Focaccia (se di Priano a Voltri: TOP) 100 g. (fuori Liguria potreste aver bisogno di pronunciare le parole “Pizza Bianca” che mi fanno un po’ rabbrividire)

Philadelphia 125 g.
Panna montata spray 1 confezione
Zucchero a velo 1 cucchiaio
Pan di Stelle 10
Burro salato 30 g
Peperoncino in polvere 1 cucchiaino

Lamponi 125 g.
Zucchero a velo 1 cucchiaino
Acqua naturale 2 cucchiai

Carne di manzo tagliata a dadini piccolini 400 g.
Avocado maturo 1/2
Uovo (solo il rosso) 1 (pastorizzato freschissimo)
Sale q.b.
Pepe q.b
Olio EVO di quello buono q.b.

Radicchio rosso (non il trevigiano) 1
Limone 1 (succo
Sale q.b.
Pepe q.b.
Olio EVO di quello buono q.b.

Gnocchi di patate 400 g.
Salsa di pomodori datterini 350 g.
Burrata 1 (o un coppettino di stracciatella già pronta)
Peperoncino in polvere q.b.
Olio EVO di quello buono q.b.
Sale q.b.
Pepe q.b.

Preparazione

Diversamente dalle ricette “classiche” con le quali vi rompo le scatole con una certa cadenza, raccogliendo la richiesta di un caro amico e collega, cerco di indicarvi come fare a organizzare una bella cenetta strappamutande per San Valentino. In questo modo, non dovrete andare a farvi prendere per il c..ollo nei ristoranti che, alle coppie, in questa serata, estorgono cifre da mercato nero degli organi.

Se potrete lavorare in due, come la romanticheria della data imporrebbe, le cose saranno più semplici e veloci, altrimenti magari vi servirà qualche minuto in più, rispetto alla mezz’oretta circa prevista, per non fare belinate.

Vi scrivo la lista delle operazioni da fare, nell’ordine più corretto che posso per agevolarvi la “linea”, rendervi le cose da portare a termine super organizzate.

Anche rispetto a ricette già pubblicate, ho semplificato un tantino gli ingredienti da usare, per non avere a che fare con dodicimila operazioni propedeutiche.

Daje.

Accendete il forno a 150 gradi.
Prendete la granella di nocciole tostate e mescolatela con un cucchiaino di miele, un pizzico di sale e una spremutina ridicola di limone.
Tagliate il radicchio in quarti (non togliere il torsolo se no le foglie vagano in ogni dove).
Marinate il radicchio con succo di un limone, olio buono, sale e pepe.
Condite la carne a dadini (pretagliata da un macellaio accondiscendente) con rosso d’uovo, sale, pepe, olio e mezzo avocado tagliato a dadini piccini.
Tritate i pan di stelle al mixer, aggiungete un cucchiaino di peperoncino.
Sciogliete il burro in una coppetta nel microonde. Aggiungetelo ai Pan di Stelle.
Posizionate nei bicchieri di presentazione il composto cioccolatoso (1 cm) e compattatelo bene.
Preparate la crema mescolando il Philadelphia con due spruzzate di panna montata (che poi la usate anche dopo…maialini) e un cucchiaio (cucchiaio, non cucchiaino) di zucchero a velo.
Prendete una sac-a-poche, riempitela con la crema e mettetene in misura uguale nei bicchieri. Riponete i bicchieri in frigo.
Accendete il fuoco sotto una pentola d’acqua salata.
Aprite la parte superiore del camembert con un taglio a croce e mettete tre cucchiai di composto di nocciole protetto sotto la “buccia”.
Mettete il camembert con le nocciole in forno per 15 minuti.
In una padella cuocete lamponi, un cucchiaino di zucchero a velo e un cucchiaio di acqua naturale. Lavorate col cucchiaio di legno fino ad avere una crema grezza.
Filtrate x eliminare i semi, passando al colino e raccogliendo il composto in una ciotola.
Lasciate raffreddare in frigo.
Spaccate la burrata e ricavatene la stracciatella, lavoratela col cucchiaio e tenete da parte. La parte “solida” esterna la mangerete domani che è buonissima anche da sola.
Mettete la salsa di datterini in un pentolino e scaldatela a fuoco dolcissimo, aggiustando di sale se serve.
Mangiate il camembert, tagliando la “buccia” superiore usata per proteggere le nocciole, pucciando laidamente la focaccia nel trionfo di formaggio, nocciole e miele. Sarà molto romantico.
Finito l’antipasto, buttate gli gnocchi e, mentre cuociono (3 minuti), prendete la salsa di lamponi e mettetela sopra la cheesecake e rimettete in frigo.
Condite gli gnocchi con la salsa e mettete su ogni piatto due belle cucchiaiate di stracciatella. Spolverate di peperoncino e aggiungete un giro di olio buono.
Finiti gli gnocchi, andate a cuocere il radicchio su una graticola, levandolo dalla marinatura e girandolo in modo che cuocia bene su tutti i lati (ci vorranno 5 minuti in totale). Accendete la cappa e versate lentamente la marinata sui 4 pezzi (farà un pochino di fumo ma ci guadagnerete in sapore).
Porzionate la carne con un coppapasta rotondo e mettetela vicina a due quarti di radicchio (ciascuno!!).
A fine pasto, vi scoppiate la cheesecake che sará bella fresca e goduriosa (è un po’ laida eh!!).

Che ne dite? Questa volta, se preparate il menu, pretendo feedback!!!

Non rispondo di figli, bevete consapevolmente. Se mettete la musica giusta, risultato garantito 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...